Contenuto riservato agli abbonati

Quindicenne trovato morto nel fiume a Padova, si indaga per cyber bullismo

Ahmed, la verità nei supporti informatici. Doppio incarico affidato dal pm Girlando: al consulente tecnico Nicotera e al medico legale Porzionato

PADOVA. Forse è stato vittima di “bullismo online” Ahmed Jouider, il 15enne scomparso nella serata di giovedì scorso e trovato senza vita nel fiume Brenta? La verità potrebbe stare tutta nel cellulare e in un supporto informatico del ragazzino sequestrati nella sua abitazione a Mortise.

Verità “nascosta” in rete

Ecco perchè il pm Andrea Girlando, titolare dell’inchiesta per istigazione al suicidio (un fascicolo senza indagati) ritiene un passo fondamentale la consulenza affidata oggi al perito informatico Luigi Nicotera incaricato di “leggere” o decifrare messaggi, chat e vocali inseriti nel telefonino dal ragazzino negli ultimi giorni e, soprattutto, nelle ultime ore di vita.

Video del giorno

Bambino scomparso a Tambre: ecco il momento del salvataggio

Bruschette integrali con fagioli e zucchine marinate

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi