Contenuto riservato agli abbonati

Il Covid colpisce il monastero delle suore di clausura. «Ma come ce lo siamo prese?»

Le suore diSan Giacomo di Veglia in una foto del 2018

Le trenta sorelle di San Giacomo di Veglia sono state in gran parte affette dal virus e hanno passato la Pasqua fra quarantene e distanziamenti. «Grazie a Dio stiamo guarendo ma non capiamo come sia entrato»

VITTORIO VENETO. Nella settimana santa, che precede la Pasqua, il Covid ha catturato non solo i frati Cappuccini del convento di Conegliano, ma anche le monache cistercensi di San Giacomo di Veglia. Si tratta di suore che praticano la clausura ma che hanno un’attività, seppur parziale, esterna.

Come la chiesa del monastero che è frequentata da numerosi fedeli. Non solo, parecchie persone bussano alla porta del convento per chiedere consiglio e aiuto.

Da

Video del giorno

Funerale Del Vecchio, gli abbracci della famiglia e la partenza della salma tra gli applausi

Bruschette integrali con fagioli e zucchine marinate

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi