Contenuto riservato agli abbonati

Casalesi di Eraclea, la Corte d’appello conferma: fu mafia. Condannato per concorso esterno l’ex sindaco Teso. Tutti gli altri nomi

ag.Lorenzo Pòrcile

I giudici di secondo grado confermano la sostanza della  sentenza del gup Rizzi nei confronti degli imputati che avevano scelto il rito abbreviato. Le condanne nel dettaglio

VENEZIA. Ad Eraclea, per anni, ha agito un’associazione criminale di stampo camorristico. Lo conferma la prima sezione della Corte d’Appello di Venezia, presieduta da Carlo Citterio, con la sentenza con la quale mercoledì sera ha convalidato il quadro accusatorio presentato dalla Procura di Venezia e dalla Procura generale, confermando nella sostanza il “cuore” della sentenza con le condanne in primo grado: il “Clan dei Casalesi di Eraclea” è stata un’associazione criminale di stampo mafioso, così come configurato dall’articolo 416 bis.

Confermate

Video del giorno

Maltempo, ad Asolo la gente con la pala per liberare le strade dalla grandine

Insalata tiepida di cous cous con ceci neri, cipollotti e tonno

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi