Contenuto riservato agli abbonati

Crac Veneto Banca, la difesa di Consoli: «Fatto fuori per il no a Bpvi»

La difesa chiede l’assoluzione piena. Tre processi e una corsa contro il tempo: ci sono anche i filoni truffa e bancarotta

TREVISO. Tre filoni di indagine, una mole di lavoro estenuante per un tribunale sotto-organico, una corsa contro il tempo per evitare la prescrizione e il «fallimento dello Stato». Parole, queste ultime, pronunciate dal sostituto procuratore Massimo De Bortoli quando uno dei reati contestati a Vincenzo Consoli, ovvero l’aggiotaggio, è finito nel vicolo cieco della scadenza dei termini, alla fine dello scorso mese di ottobre.

Video del giorno

Gelato, l'importanza dell'ordine dei gusti: il video su TikTok diventa virale

Farinata con asparagi e cipollotti

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi