Contenuto riservato agli abbonati

La scuola riparte in Veneto dopo le feste natalizie con 60 mila banchi vuoti

Un gruppo di studenti nel loro primo giorno di scuola. Foto Ansa

Migliaia i professori positivi o in quarantena, mentre scattano le prime sospensioni per i No vax. Il punto con la direttrice dell’Ufficio scolastico regionale Carmela Palumbo

VENEZIA. Più di 60 mila studenti e 8 mila insegnanti a casa, perché positivi o in quarantena. E poi 800 docenti e tre presidi sospesi, perché No vax. Mentre alcune classi hanno iniziato l’anno direttamente in didattica a distanza.

E le scuole elementari di un intero comune – quelle di Torri del Benaco, nel Veronese – sono rimaste chiuse, su precisa disposizione del sindaco.

Sono

Video del giorno

Metropolis/94 - Mariupol, Tonacci: "Cosa ne sarà dei combattenti della Azov dopo la resa"

Farinata con asparagi e cipollotti

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi