Precarietà, futuro, pensioni: i sindacati riempiono Mestre per difendere i diritti del lavoro

Una distesa di bandiere rosse e azzurre, a centinaia, a ricoprire interamente piazza Ferretto. I sindacati chiamano e la risposta dei lavoratori è compatta

MESTRE. Una distesa di bandiere rosse e azzurre, a centinaia, a ricoprire interamente piazza Ferretto. I sindacati chiamano e la risposta dei lavoratori è compatta. È stata scelta Mestre come epicentro regionale della protesta dei lavoratori per parlare di pensioni, di sociale, di fisco, di sviluppo: in una parola, di lavoro.

Refosco, Cisl: chiediamo salari più alti alla luce anche degli aumenti di prezzi e tariffe

«Vogliamo dare un segnale forte al governo, perché è necessario migliorare la legge di bilancio così come è stata presentata. Chiediamo tutela per il lavoro, ammortizzatori sociali e politiche attive perché chi perde il posto di lavoro possa essere accompagnato a cercarne un altro», l'indicazione di Gianfranco Refosco, segretario regionale di Cisl.

Christian Ferrari della Cgil sottolinea: «Chiediamo una pensione contributiva di garanzia che riesca a coprire tutti i periodi di disoccupazione involontaria, il riconoscimento del lavoro di cura e, quanto alle pensioni, 62 anni di età e 41 anni di contributi sono più che sufficienti».

Ferrari, Cgil: precarietà dilagante, serve una pensione di garanzia

«La manifestazione di oggi vuole da un segnale forte al governo perché riteniamo necessario migliorare la Legge di Bilancio così come stata presentata. La risposta dei lavoratori delle lavoratrici e dei pensionati del Veneto stata direi superiore alle aspettative», ha detto ancora Refosco. «C'è una grande voglia di ripartire nel lavoro veneto, e questa voglia di ripartire deve essere coniugata con l'equità sociale. Quindi noi chiediamo tutela per il lavoro, ammortizzatori sociali ma soprattutto politiche attive perché chi perde il posto di lavoro possa essere accompagnato a cercarne un altro.

Chiediamo un intervento sul fisco, un abbattimento delle tasse e un aumento del peso delle buste paga per i lavoratori e pensionati, tanto più indispensabile in quanto abbiamo un forte aumento dei prezzi delle tariffe e delle bollette. Chiediamo infine un confronto sul tema delle pensioni, per le pensioni dei giovani e delle persone che hanno carriere lavorative discontinue, che rischiano di essere poveri domani da pensionati, e anche un intervento di favorire la flessibilità in uscita, soprattutto per chi ha cominciato a lavorare molto giovane e per quelli che fanno lavori gravosi. Chiediamo quindi interventi selettivi che migliorino la vita delle persone e ci permettano di affrontare la ripartenza dopo il Covid con maggior vigore», ha concluso.

Di Gregorio, Spi Cgil: i nodi del lavoro toccano soprattutto i giovani e le famiglie

Video del giorno

Quirinale, Casellati 'distratta' dal cellulare, Fico è costretto a rallentare lo spoglio

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi