Contenuto riservato agli abbonati

Dallo sport veneto una spinta al vaccino. Iscrizioni, obbligo di Green pass

Dirigenti e allenatori delle società: «Senza passaporto sanitario non si entra in palestra». Ecco le società che ci guadagnano e ci perdono

MESTRE. Più che dalla scuola, arriva dal mondo dello sport il vero impulso per i ragazzi alla vaccinazione contro il Covid. «Perché, senza Green pass, in palestra non si entra» sintetizza efficacemente Luciano Favaro, presidente della società mestrina Union boxe.

«Alcuni nostri iscritti, dopo essere andati avanti per settimane sottoponendosi a un tampone ogni due giorni, alla fine si sono decisi a farsi il vaccino».

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Mattino di Padova la comunità dei lettori

Video del giorno

Covid, Mario Monti: "Trovare modalità meno democratiche per l'informazione"

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi