Contenuto riservato agli abbonati

Il futuro dell’umanità? Passa per le alghe. Uno studio a Venezia svela un nuovo mondo dal cibo alle costruzioni

Claudia Pasquero e Marco Poletto, classe 1975 e 1976, sono compagni di vita e di lavoro. Architetti, ingegneri, autori, educatori e curatori, vivono a Londra da oltre 20 anni

Due le ricerche fatte di una coppia di scienziati italo-inglesi e presentate alla Biennale. «Ecco come certi organismi possono aiutare il mondo, sia nell’architettura che nel cibo»

VENEZIA. Le alghe possono dare una svolta alla nostra esistenza e a quella del pianeta creando una nuova osmosi tra umani e natura. Lo dimostrano i progetti ispirati a Venezia “Bit.bio.bio” e “Urbansphere” degli architetti e ingegneri Claudia Pasquero e Marco Poletto di “ecoLogicStudio”, esposti alla Biennale di Architettura. Non si tratta solo di idee. l sistemi elaborati dai due torinesi trapiantati a Londra dimostrano che le alghe sono ottimi nutrienti e trattengono gli agenti inquinanti.

Quando

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Mattino di Padova la comunità dei lettori

Video del giorno

Estnord, il rovescio del Nordest: il Tronchetto e i predoni di Venezia

Insalata di gallina, radicchio, mandorle, melagrana e cipolla

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi