Contenuto riservato agli abbonati

I giudici su Zen: «Il vigilante tese un agguato ai banditi, sparò sapendo di poter uccidere»

Massimo Zen e Manuel Major

Depositate le motivazioni della condanna a 9 anni alla guardia giurata che uccise Manuel Major. Alla centrale dei Ranger disse: «Per me meglio un brutto processo che un bel funerale»

CITTADELLA. Cosa avvenne realmente all’alba del 22 aprile 2017 in via Battaglione Pomini a Barcon di Vedelago? A descrivere in 51 pagine la fuga di un terzetto di malviventi, inseguiti dai carabinieri, che nella notte assaltarono tre sportelli bancomat, e la morte di Manuel Major, 37 anni, raggiunto da un proiettile sparato da una guardia giurata della “Ranger”, Massimo Zen, 50 anni, è il giudice Piera De Stefani, che ha depositato le motivazioni della condanna a 9 anni e 6 mesi per omicidio del vigilante di Cittadella.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Mattino di Padova la comunità dei lettori

Video del giorno

Val d'Ega imbiancata: le ferite ricucite di Vaia

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi