Contenuto riservato agli abbonati

Su un’isola artificiale della laguna di Venezia, i ricambi del Mose marciscono all’aria aperta

L’ultima vergogna sono tubi e materiali metallici arrugginiti e accatastati davanti a Treporti, dove c’era stata un anno fa l’inaugurazione in pompa magna alla presenza dell’ex premier Conte. Per completare l’opera saranno necessari altri due anni e oltre un miliardo di euro in più. I tecnici denunciano “sprechi e cialtronerie”

VENEZIA. Altri due anni di ritardo sulla fine dei lavori. Un miliardo di spesa in più. I cantieri fermi da mesi e la manutenzione che non parte, con la corrosione sott’acqua che avanza. Lo scandalo Mose non finisce mai. Le tangenti, gli sprechi, i ritardi, gli errori. Adesso l’incuria e la mancata manutenzione, che ne mettono a rischio il funzionamento nel prossimo futuro, proprio mentre la stagione delle acque alte si avvicina e Venezia è ancora indifesa.

L’ultima vergogna sono tubi e materiali metallici arrugginiti e accatastati all’aperto nell’isola del Mose di Treporti.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Mattino di Padova la comunità dei lettori

Video del giorno

Il primo Airbus A340 atterra in Antartide, l'impresa epocale della Hi Fly apre la via del turismo

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi