Contenuto riservato agli abbonati

Alem: «Io scappato a 16 anni dall’inferno di Kabul e salvato dal Veneto. E ora mio fratello è un leader talebano»

A sinistra Alem ora, a destra qualche anno fa prima di rifiutare la guerra

Alem Saidy è arrivato a San Donà con un camion frigo per rifarsi una vita, ora è preoccupato per la madre e la sorella. «Vorrei tanto che anche loro venissero qui»

SAN DONA’. Uno è padre di famiglia a San Donà, l’altro, il fratello, è un talebano rimasto a Kabul. Le vite parallele di Alem e Rostan sono destinate a non incontrarsi più. Oggi Alem, che vive a San Donà, teme per la sorella e la mamma rimaste a casa: «Non c’è democrazia nel mio Paese e soffro per loro e per tutte le donne di Kabul».

Lui

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Mattino di Padova la comunità dei lettori

Video del giorno

Il primo Airbus A340 atterra in Antartide, l'impresa epocale della Hi Fly apre la via del turismo

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi