Delitto di Noventa Vicentina, arrestato l’assassino: era nascosto in un pollaio

I carabinieri sono riusciti a localizzarlo dopo un giorno e mezzo di ricerche

NOVENTA VICENTINA. Pierangelo Pellizzari, l’uomo che venerdì mattina ha ucciso la moglie Rita Amenze, è stato arrestato. Era nascosto in un pollaio e lì è rimasto per quasi un giorno e mezzo, dopo aver ucciso l'ex compagna. I carabinieri sono riusciti a circondarlo e catturarlo. "Lo stiamo portando in caserma", conferma Nicola Bianchi, comandante provinciale di Vicenza.

L’uomo, tre anni fa, era stato condannato a 4 mesi per minacce e lesioni nei confronti della compagna dell’epoca. Nel 2018 aveva sposato Rita Amenze, giovane rifugiata nigeriana con il desiderio di rifarsi una vita in Italia. Lei ci ha messo poco a capire chi era veramente l’uomo con cui era andara a convivere. Non lavorava Pierangelo Pellizzari, chiedeva i sussidi in municipio e campava con lo stipendio da operaia di lei. "Una persona un po' sopra le righe", lo definisce il sindaco Eugenio Gonzato. Capelli lunghi, orecchino con croce d'oro pendente, a volte prepotente, come racconta chi lo incrociava nei bar del paese.

Ultimamente i rapporti tra i due si erano incrinati perché lui non voleva che lei facesse rientrare in Italia i tre figli che ha in Nigeria.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Egitto, per la prima volta l'arte contemporanea in mostra ai piedi delle Piramidi di Giza

Torta di grano saraceno con mirtilli e mele

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi