No vax, minacce a Zaia: la Procura apre un’inchiesta

Passando al setaccio le chat gli investigatori della polizia postale e della Digos  sono risaliti ad alcuni degli autori degli inquietanti messaggi. Vi sarebbero già alcuni nomi iscritti nel registro degli indagati

VENEZIA. Sulle minacce via social dei no-vax verso esponenti delle istituzioni e della politica esiste anche un'inchiesta per le intimidazioni e gli insulti giunti al presidente del Veneto Luca Zaia, sui suoi profili social. Il governatore sarebbe stato preso di mira dagli 'odiatorì per le posizioni a favore dei vaccini, e in generale per la lotta che il Veneto sta conducendo contro il Covid.

Passando al setaccio le chat gli investigatori della polizia postale e della Digos  sono risaliti ad alcuni degli autori degli inquietanti messaggi. Vi sarebbero già alcuni nomi iscritti nel registro degli indagati.

A fine 2020 un fascicolo era stato aperto anche dalla Procura di Treviso, dopo una serie di incursioni sotto casa di Zaia da parte di manifestanti che contestavano il suo operato contro l'epidemia, e mettevano on line filmati che riprendevano dettagliatamente l'abitazione privata del politico.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Klopp sul Newcastle al fondo saudita: "Preoccupato per i diritti umani ma nessuno dice nulla"

Gallinella su purea di zucca, patate croccanti e cavolo riccio

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi