Contenuto riservato agli abbonati

Ecco chi sono le due venete indagate nel gruppo che organizzava un lancio di uova contro il ministro Speranza: blitz della polizia e sequestri

Roberto Speranza, ministro della Salute

Una ha 53 anni, vive a Mestrino, madre di un figlio, vicina ai Serenissimi. L’altra è residente a Salzano

PADOVA. Attraverso il gruppo Telegram "I Guerrieri" aveva proposto il lancio di uova contro il ministro della Salute, Roberto Speranza, atteso a Padova lo scorso 2 settembre. Giovedì mattina gli uomini della Digos di Padova hanno perquisito la sua abitazione: l’indagata è una 53enne di Mestrino, cameriera, madre di un figlio.

In più occasioni la donna – convinta “no Green pass” avrebbe preannunciato la volontà di "accogliere" il ministro con un atto pubblico e plateale di dissenso.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Mattino di Padova la comunità dei lettori

Video del giorno

Cherchi: ex della Mala del Brenta invecchiati ma ancora molto pericolosi

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi