Contenuto riservato agli abbonati

Covid, muore poliziotto non vaccinato: «Sulla lapide il simbolo del Reparto». Viveva a Mestre, lavorava a Padova

Candido Avezzù, 58 anni, è morto dopo aver contratto il coronavirus

Candido Avezzù, agente a Padova, aveva 58 anni: la scoperta del virus al rientro da un servizio nel centro migranti di Taranto

PADOVA. «Entro in Intensiva. Sulla lapide, lo scudetto del 2. Grazie». Candido Avezzù, agente di polizia di 58 anni del Reparto mobile di Padova, lo scriveva su Facebook il 10 agosto, alle porte del reparto di Rianimazione dell’ospedale Dell’Angelo. È morto alle 18 di domenica, ucciso dal Covid: non era vaccinato.

I suoi colleghi hanno detto che faranno di tutto perché la sua volontà venga rispettata: a fianco al suo nome, sulla tomba, sarà riportata l’effige del reparto in cui lavorava.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Mattino di Padova la comunità dei lettori

Video del giorno

Cherchi: ex della Mala del Brenta invecchiati ma ancora molto pericolosi

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi