Contenuto riservato agli abbonati

La velocità, una tradizione che vola su gambe venete da quel primo oro nel 1920

Ciclismo su pista, oltre Tokyo 2020. Cent’anni di successi a partire dai Giochi di Anversa, impresa bissata quattro anni dopo a Parigi dal quartetto con il vicentino Alfredo Dinale e i veronesi Angelo De Martini e Aurelio Menegazzi

PADOVAIl quartetto azzurro guidato dal mitico Ganna ha conquistato a Tokyo una medaglia d'oro storica; un titolo che mancava all'Italia da ben 61 anni e che ha fatto riaccendere i riflettori sulla grande tradizione su pista che da sempre viene tramandata nella nostra regione.

Il compito più delicato all'interno del quartetto, infatti, in questo appuntamento olimpico lo ha ricoperto il veneziano Francesco Lamon: a lui il CT Marco Villa ha affidato le chiavi per accendere il motore del gruppo azzurro.

Il

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Mattino di Padova la comunità dei lettori

Video del giorno

Cherchi: ex della Mala del Brenta invecchiati ma ancora molto pericolosi

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi