Uccise due agenti nel 1978 pena estinta per Bergamin

Milano

La corte d’assise di Milano ha confermato l’estinzione della pena inflitta a Luigi Bergamin, ex militante dei Proletari Armati per il Comunismo (Pac), costituitosi lo scorso 29 aprile in Francia, un giorno dopo all’operazione che ha portato all’arresto di sette ex membri di organizzazioni estremiste di sinistra. La decisione dei giudici presieduti da Ilio Mannucci Pacini è stata ribadita con il rigetto del ricorso presentato dal pm Adriana Blasco contro l’ordinanza, emessa dallo stesso collegio l’11 maggio, che aveva dichiarato estinta la pena di 16 anni, 11 mesi e 1 giorno dell’oggi 72enne condannato con sentenza divenuta irrevocabile, l’8 aprile 1991, a 23 anni di reclusione per i reati banda armata e istigazione alla commissione di attentati contro lo Stato, detenzione e porto illegale di armi, rapina e furto aggravati, associazione per delinquere. E poi di omicidio aggravato del maresciallo degli agenti di custodia Antonio Santoro, a Udine il 6 giugno 1978, e di quello dell’agente Digos di Milano, Andrea Campagna, nel capoluogo lombardo il 19 aprile 1979. —


© RIPRODUZIONE RISERVATA

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Italian Tech Week 2021, il videoracconto è un arrivederci

Grano saraceno al limone e rosmarino con rana pescatrice croccante su crema di sedano rapa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi