Contenuto riservato agli abbonati

Prenotazione e green pass obbligatori per il Redentore di sabato 17 luglio

Nuove modalità per assistere allo spettacolo pirotecnico sia in barca che da terra. I posti sono ormai quasi esauriti

VENEZIA. Tutto pronto a Venezia per la celebre festa del Redentore di domani, prima edizione ai tempi del Covid. Dopo lo stop imposto nel 2020, ritorna lo spettacolo dei fuochi d’artificio alle 23.30 in bacino San Marco che ogni anno richiama decine di migliaia di veneziani e di residenti da tutto il Veneto.

Mai come quest’anno, però, guai a prendersi all’ultimo minuto. Le norme anti-assembramento richiedono infatti la prenotazione obbligatoria, sia a chi voglia assistere alla festa veneziana per eccellenza sulle rive cittadine sia per chi decida di arrivare a Venezia in barca. A ciò si aggiunge l’obbligo di “green pass”, e quindi l’attestazione di aver ricevuto in alternativa una dose di vaccino, di avere un tampone negativo effettuato nelle 48 ore precedenti o la dichiarazione di avvenuta guarigione dall’infezione.

Da ieri tutti possono prenotarsi (nei giorni scorsi, i residenti in città avevano avuto una corsia preferenziale). Le barche dovranno essere registrate nel sito del Comune e di Venezia Unica (qui sono reperibili tutte le informazioni necessarie). Occorrerà poi stampare il biglietto ed esporlo sulla barca per tutta la durata dell’evento. Verranno eseguiti controlli a campione dalle autorità competenti nel corso della manifestazione per verificare il rispetto delle prescrizioni.

Oltre al biglietto, occorrerà esibire un documento d’identità e la lista delle persone a bordo. Nella lista bisognerà indicare nome, cognome, cellulare di tutte le persone a bordo della barca, che potrà essere ritirata dalle autorità competenti ai fini del contact tracing. In questo caso, i posti a disposizione per le imbarcazioni sono circa duemila, la metà dei quali è già stata prenotata. Le imbarcazioni potranno essere occupate – se non si tratta di familiari stretti – all’80% della capienza massima. Vietato l’ormeggio “a lai”, cioè una a fianco all’altra, se non con appositi sistemi per garantire il distanziamento. A bordo, il conducente dovrà tenere – fino a 14 giorni dopo il termine della festa – l’elenco completo dei passeggeri. Una volta fatta la registrazione, alla barca sarà assegnato un settore del Bacino San Marco, in base alla tipologia. Davanti, più vicine ai fuochi artificiali, le barche delle tradizione, a remi e con piccoli motori. Più indietro i barconi, i motoscafi, più indietro ancora yacht e Gran Turismo. Un settore sarà dedicato anche a taxi e gondole.

A terra la partecipazione sarà regolamentata soprattutto sulle rive, con transenne che garantiranno il distanziamento e una capienza massima fissata a 18 mila persone (pre-Covid si arrivava fino a 90 mila partecipanti). Obbligatoria la prenotazione anche per assistere da terra. Anche in questo caso, nei giorni è stata data priorità ai residenti. Si potranno mettere sedie e tavolini, anche qui nel rispetto del distanziamento. A ieri, risultavano completamente esauriti i posti messi a disposizione lungo le Zattere, a Spirito Santo e in punta della Dogana. Tutto occupato anche in area marciana, con le ultime migliaia di posti disponibili lungo riva degli Schiavoni fino alla fermata dell’Arsenale.

L’orario di accesso al varco è indicato sul biglietto, che non dovrà per forza di cose essere stampato: basterà anche salvarlo sullo smartphone.

Se è vero che non ci si aspettano le folle oceaniche che negli anni passati paralizzavano la città, lo è altrettanto che lo spettacolo resta assicurato. Se ne occuperà (al solito) la ditta Parente di Rovigo, che proporrà una dedica speciale alla fresca vittoria degli Europei da parte dell’Italia. Confermate anche le regate domenica pomeriggio in canale della Giudecca e la celebrazione eucaristica domenica sera del Patriarca Moraglia. Questa sera, alle 20, è in programma l’inaugurazione del Ponte Votivo che collegherà le Zattere con la chiesa del Redentore sull’isola della Giudecca fino a domenica sera alle 22.

Video del giorno

Arresti per infiltrazioni della camorra a Bibione, il video dell'operazione della Dia

Timballo di alici

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi