Contenuto riservato agli abbonati

Un intero reparto bloccato per tutelare la privacy di Belen. La denuncia dei sindacati a Padova

La foto della piccola Luna Marì postata dalla mamma Belen Rodriguez

Mercoledì Belen Rodriguez e la neonata Luna Marì sono state dimesse e in mattinata sono potute tornare a casa, o meglio nella villa con piscina di Albarella

PADOVA. «Un’organizzazione ad hoc non giustificata in una struttura pubblica come l’ospedale civile». In seguito al parto di Belen Rodriguez, celebre showgirl argentina e neo- mamma della piccola Luna Marì, avvenuto lunedì notte nella Clinica Ostetrica dell’Azienda Ospedale Università di Padova, sono esplose alcune polemiche interne all’ospedale. In particolare ciò che non sarebbe andato giù a parte del personale sanitario sarebbe stata la necessità di riorganizzare interamente il terzo piano dell’area materno infantile per proteggere la privacy di un vip come Belen.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Mattino di Padova la comunità dei lettori

Video del giorno

Il primo negozio fisico di abbigliamento di Amazon avrà un "guardaroba magico"

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi