Buone letture: la cinquina del Campiello 2021

Assegnato anche il Premio Opera Prima: va a “Dieci storie quasi vere”, racconti su sfondo veneto di Daniela Gambaro

La 59esima edizione del Premio Campiello ha la sua cinquina finalista: è stata selezionata a Padova dalla Giuria dei Letterari presieduta da Walter Veltroni, e contiene il libro che dopo il 4 settembre prossimo, nel corso della serata di gala all’Arsenale a Venezia, si aggiudicherà il SuperCampiello.  I libri della cinquina, selezionati sui 346 presentati dalle case editrici, passano adesso al vaglio della giuria dei trecento lettori.

Al primo turno di votazione, con i 7 voti necessari, sono entrato in cinquina  Paolo Nori con “Sanguina ancora” (Mondadori) e Andrea Bajani con “Il libro delle case” (Feltrinelli); al secondo turno è passato  Paolo Malaguti con  “Se l’acqua ride” (Einaudi) e dal ballottaggio finale sono uscite vincitrici  Giulia Caminito, con "L'acqua del lago non è mai dolce" (Bompiani) e Carmen Pellegrino con "La felicità degli altri" (La nave di Teseo).

 La giornata della selezione è per tradizione anche quella dell’annuncio del vincitore del Premio Campiello Opera Prima, riconoscimento attribuito dal 2004 ad un autore al suo esordio letterario. E stato assegnato a Daniela Gambaro per “Dieci storie quasi vere” (Nutrimenti).

Nata a Adria, Daniela Gambaro vive a Roma dove lavora come sceneggiatrice: tra i film ai quali ha lavorato c’è “Zoran il mio nipote scemo”, di Matteo Oleotto con Giuseppe Battiston. “Dieci storie quasi vere”, come si capisce dal titolo, è un libro di racconti, legati tra loro da una scrittura profonda e delicata e nei quali è facile riconoscere l’ambiente veneto, e in particolare polesani.

Racconta una storia di terra veneta anche il libro del padovano Paolo Malaguti.

Il suo è un viaggio fisico, emozionale e temporale lungo il fiume, a contatto con un’umanità e una società destinate a essere cancellate dal progresso.

Sfondo veneziano per Carmen Pellegrino, già finalista in passato al Campiello. 

Per scrivere questo libro ha trovato la scintilla dell’ispirazione in una storia di cronaca drammatica: quella di un professore di Venezia morto in solitudine nella sua casa, e il cui corpo è stato trovato dieci anni dopo il decesso.

Giulia Caminito aveva vinto cinque anni fa, con il suo romanzo di esordio, il Premio Berto.

La Giuria dei Letterati del Premio Campiello è presieduta da Walter Veltroni ed è composta Federico Bertoni,  Daniela Brogi,  Silvia Calandrelli,   Edoardo Camurri, Chiara Fenoglio, Daria Galateria, Luigi Matt,  Ermanno Paccagnini,  Lorenzo Tomasin,  Roberto Vecchioni e Emanuele Zinato.

Video del giorno

Yemen, per la prima volta speleologi si calando sul fondo del "Pozzo dell'Inferno" per oltre 110 metri

Granola fatta in casa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi