L’editoriale del direttore / Buon Natale, professore

Il 24 dicembre 2020, mentre molti di noi preparavano il cenone, Umberto Cillo è tornato al lavoro. Era guarito, finalmente. Alla fine della giornata si è fatto una foto, a fianco di collaboratrici e collaboratori.

«Il più bel regalo di Natale è questo: essere di nuovo qui, dopo 21 giorni di Covid», ha scritto sui social. La scena della foto è una sala operatoria dell’ospedale di Padova. Cillo, 59 anni, è un maestro della chirurgia e si occupa di fegato. Il virus l’aveva contagiato, preoccupando i suoi familiari e amici; ma poi se n’era andato e il professore aveva ripreso il suo mestiere, cioè salvare vite.

Sono passate diciannove settimane. Ora, affiancato da una maxi èquipe, Cillo ha concluso un intervento senza pari. Una roba che dovrebbe passare di continuo nei tg, più dell’ultimo gol di Lukaku o dell’ennesima battuta di un politico.

C’erano una volta due fratelli, uno sano e uno malato. Una piccola porzione di fegato del fratello sano è stata asportata senza pericolo e impiantata accanto al fegato del fratello malato. Il pezzo “buono” è stato spinto a una rapida generazione (la tecnica norvegese si chiama Rapid, appunto); e in soli quindici giorni ha assunto le dimensioni sufficienti per poter sostenere la vita del paziente. A quel punto l’altro fegato, quello malato, è stato rimosso. Risultato finale: una persona perfettamente guarita con la donazione di un vivo. Ora i malati di tumore considerati inoperabili possono sperare.

Ci sono volute quasi venti ore di lavoro: ne è valsa la pena. In due diverse sale operatorie ha lavorato un dream team di dieci chirurghi, più sei anestesisti e tanti altri profili. Totale, un centinaio di persone.

La prossima volta che andrò al lavoro aspettandomi una giornata difficile, cercherò di pensare al lavoro di quelle cento persone. Penserò a una vigilia di Natale, al senso di un ritorno. Penserò a che cosa riescono a fare gli esseri umani, quando agiscono davvero insieme.

Video del giorno

Femminicidio sul Piave, i carabinieri all'Isola dei Morti

Estratto di mela, sedano, cetriolo e lime

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi