Venezia, in tempi di Covid il tour in gondola si fa virtuale

I gondolieri s'inventano la diretta social con turisti collegati su Instagram dalla Florida, dall’Australia, dall’Ungheria, dalla Germania: «Ma noi speriamo di tornare presto a lavorare»

VENEZIA. Lo hanno fatto cantanti e attori, con concerti e recite online pur di regalare un po’ d’arte e leggerezza a un pubblico bloccato a casa dalla pandemia. Lo hanno fatto politici e scrittori, con conferenze stampa e presentazioni da remoto. Le stesse guide turistiche, con le comitive incollate agli smartphone per vedere le bellezze del mondo.

Mancava finora il giro in gondola, che l'8 aprile per la prima volta è diventato realtà.Virtuale certo, ma pur sempre uno spettacolo più unico che raro. Un remo che spinge, la pace dei canali senza altri rumori se non lo scroscio dell’acqua, una voce che racconta le perle nascoste sotto i ponti o lungo le fondamenta. Mancava solo il vento sulla faccia. C’era comunque quanto basta per incantare una quarantina di “clienti” da tutto il mondo, montati a bordo della gondola più capiente che si sia mai vista a Venezia.

A condurla, per questo tour virtuale, i gondolieri Tommaso Luppi e Nicolò Ruzzene Pedrali, 45 e 33 anni, che lavorano al traghetto Molo a San Marco. Come per tutta la categoria, i loro remi sono fermi da mesi. E tutt’ora, di riprendere a lavorare come un tempo, non se ne parla proprio.

Venezia, il tour in gondola è virtuale: i segreti dei canali della Serenissima

Qualche cenno di ripresa si è avuto tra luglio e agosto scorsi, ma con il crollo del turismo dovuto alla pandemia da ottobre fino ad oggi i giri in gondola si sono contati sulle dita di una mano. «Il periodo è difficile, ma abbiamo cercato di pensare a come poter regalare un momento di leggerezza alle tante persone chiuse in casa per colpa del virus» spiega Luppi, «lavorare in una città come Venezia ti dà la possibilità di regalare uno spettacolo unico a chi non l’ha mai vista».

Ecco quindi l’idea. I due hanno creato una pagina Instagram (“gondolasanmarco”) e hanno dato vita a un contest che ha permesso, nel giro di pochi giorni, di raggiungere ben 800 followers. Bastava iscriversi e condividere la pagina per essere poi estratto come vincitore di un giro gratuito e virtuale tra i canali.

Sono stati dieci i fortunati ad essere sorteggiati. Tra loro Carola dalla Germania, James dall’Australia, Elena da Bucarest, Kissang dall’Ungheria e l’appassionato di gondole Matthew dalla Florida. Inizialmente pensato in forma ristretta per la piattaforma web Zoom, problemi tecnici hanno poi fatto sì che la diretta avvenisse su Instagram. Ed ecco che lo spettacolo è stato seguito da oltre quaranta persone.


Tutti collegati in diretta ad ascoltare la storia del ponte dei Sospiri o degli innamorati raccontata da Tommaso, e la spiegazione dei termini tecnici come “stagando” e “premando” (l’avviso del gondoliere quando gira a destra o sinistra ai bivi) di Nicolò.

E le reazioni, online, sono state entusiaste. «Grazie per questo meraviglioso giro in gondola» ha scritto Anna. «Bravi i miei colleghi, un bellissimo giro. È più di un anno che non transitiamo per questi canali, il tour mi ha emozionato» ha aggiunto un gondoliere.

«La nostra intenzione» spiega Luppi, «è di ripetere quest’esperienza solo in caso di nuovi lockdown. Ma la nostra speranza è di poter lavorare di persona». Non è escluso che la pagina dei due gondolieri veneziani dia vita a una nuova gara con estrazione a sorte al raggiungimento di mille follower. Magari con un giro in presenza. —

 

Patate novelle croccanti con asparagi saltati, uova barzotte e dressing allo yogurt e senape

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi