La Regione stanzia 16 milioni per la manutenzione stradale

Definite le risorse triennali per finanziare Veneto Strade Nel piano Monselice Mare  le strade regionali 6 e 62 e la statale del Santo

VENEZIA

Poco meno 16 milioni di euro, per la messa in sicurezza della rete stradale della regione. Ad annunciare l’approvazione da parte della Giunta veneta di un piano di intervento triennale finalizzato alla riqualificazione dei nodi più degradati della rete viaria locale è stata la vicepresidente e assessore alle Infrastrutture Elisa De Berti.


Il finanziamento, a favore di Veneto Strade, sancisce una spesa di 5 milioni e 820mila euro a valere sull’annualità 2020, 5 milioni per l’anno 2021 e altri 5 milioni per il 2022 per un totale di oltre 30 interventi che interesseranno tutte e sette le province venete. Le risorse serviranno per installazioni di nuovi sistemi a protezione delle scarpate stradali, rifacimento del piano viabile, per lavori di ripristino strutturale di ponti, adeguamento di impianti antincendio, impermeabilizzazione e illuminazione di gallerie.

Tra gli interventi principali e più onerosi per le casse della Regione previsti per il primo dei tre anni spicca quello da 976mila euro per la messa in sicurezza del ponte sulla Sr 6 Eridania Occidentale all’altezza del comune rodigino di Giacciano con Baruchella ma pure l’intersezione da 800 mila euro tra la Sr 62 della Cisa e la Sp 3 all’altezza di Mozzacane in provincia di Verona. Ci sono poi lavori per 450mila euro sulla Strada del Santo all’altezza di San Giorgio delle Pertiche nel Padovano, interventi per oltre 380mila euro sulla Monselice Mare vicino al comune di Correzzola e poco meno di un milione di euro per la mitigazione acustica con barriere anti-rumore sulle strade regionali di un po’ tutte le provincie venete, da Venezia a Treviso, da Belluno a Vicenza e così via. «Ha valore costruire opere nuove come ha altrettanto valore mantenere quelle già esistenti» ha sottolineato De Berti. «La rete stradale di interesse regionale è un patrimonio che va tutelato con i monitoraggi e le manutenzioni a garanzia della sicurezza dei nostri cittadini. Migliorare la viabilità è indispensabile per consentire agli utenti della strada di viaggiare sicuri. Ricordando, infine, le recenti cronache, i ponti devono assolutamente rimanere dei sorvegliati speciali. A fronte di tutto ciò, la Regione Veneto non abbassa l’attenzione e investe nel monitoraggio». —



Fiammiferi di asparagi con aspretto di ciliegie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi