Covid e restrizioni, cosa cambia per il Veneto con il nuovo Dpcm

La novità principale riguarda la facoltà per il governatore di imporre la didattica a distanza integrale se certi indicatori superano una soglia giudicata di allarme. Se restiamo in zona gialla, dal 27 marzo possono riaprire cinema e teatri

VENEZIA. Se il Veneto resta, come è oggi, in zona gialla, cambia poco in base alle regole introdotte dal nuovo Dpcm, valido dal 6 marzo al 6 aprile. Ma qualcosina cambia. La novità principale riguarda la facoltà per il governatore di imporre la didattica a distanza al 100 per cento se certi indicatori superano una soglia giudicata di allarme (250 o più casi di positivi ogni 100 mila abitanti: nelle aree in cui abbiano adottato misure più stringenti per via della gravità delle varianti; nel caso di una eccezionale situazione di peggioramento del quadro epidemiologico).

L'altra novità di rilievo potrebbe riguarda cinema e teatri. L'uso del condizionale dipende dal fatto che si resti o meno in zona gialla: dal 27 marzo, nelle zone gialle si prevede infatti la possibilità di riaprire teatri e cinema, con posti a sedere preassegnati, nel rispetto delle norme di distanziamento. La capienza non potrà superare il 25% di quella massima, fino a 400 spettatori all’aperto e 200 al chiuso per ogni sala.

ECCO DI SEGUITO LE REGOLE PER LA ZONA GIALLA

Vellutata di asparagi al latte di cocco

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi