Dagli asili alle superiori, ecco tutti i numeri dei contagi nelle scuole venete

Report della Regione Veneto che analizza l'andamento del contagio nelle scuole venete dal 7 gennaio al 23 febbraio. Parte il progetto di biosorveglianza con le scuole sentinella. Alle elementari la maggior percentuale di positivi

VENEZIA. Le scuole in Veneto sono sorvegliate speciali. La Regione ha fornito una fotografia nitida dello stato dell'arte sui contagi nelle scuole di ogni ordine e grado che insistono sul territorio veneto. 
 
Nel periodo dal 7 gennaio al 23 febbraio sono 1421 i bambini e ragazzi che sono risultati positivi al Covid. "I dati vanno letti valutando prima di tutto che le scuole superiori sono state in dad fino al 31 gennaio", ha affermato Michele Tonon, medico dello staff della dottoressa Francesca Russo. 
 
Ecco i risultati dell'analisi, frutto dell'attività di screening e tracciamento effettutati dalla Regione Veneto
 
"A partire del 7 gennaio abbiamo registrato 1421 eventi sul territorio della Regione Veneto, ma il monitoraggio è in continua evoluzione: il 22 per cento dei casi è stato rilevato nelle scuole dell'Infanzia, il 33,7 alle elementari, il 23,2 alle medie e  il 14,2 superiori". Questi numeri vanno letti ovviamente sulla base del sistema delle chiusure, non ha mancato di far notare il dottor Tonon.
 
 
Il medico ha poi posto l'attenzione sulla frequenza delle infezioni secondarie, in altre parole dove un positivo ha contagiato altre persone. 
 
La percentuale di eventi scolastici con caso secondario ha una frequenza del 33 per cento nelle scuole dell'infanzia, 26 per cento alle elementari, 18 alle medie, 17 alle superiori. Non serve ricordare che nelle scuole materne i bambini sono esonerati dall'uso della mascherina, non obbligatoria fino ai sei anni di età.
 
Monitoraggio infezioni
 
 
Sul fronte delle scuole superiori invece Tonon ha spiegato che solo un contatto con un positivo su due avviene nel contesto scolastico: "Per quanto riguarda gli istituti superiori è da sottolineare che nella fascia 14-19 anni solo un soggetto in quarantena su due lo è per contatto avvenuto nell'ambiente scolastico.
 
Oggi, 23 febbraio, a dimostrazione dell'interesse epidemiologico che riveste la scuola in Veneto, è stato presentato il progetto di biosorveglianza, che riguarda le scuole superiori (scuole sentinella) e le medie (progetto di autotest)
 
 
Qui le infografiche che illustrano i dati del contagio nelle scuole venete
 

Banana bread al cioccolato

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi