Uccide il padre a martellate durante una lite nel Rodigino

Un martello sequestrato dai carabinieri

Tragedia a Contarina di Porto Viro. Il figlio ventenne colpisce a morte il padre Giovanni Finotello di 57 anni

PORTO VIRO (Rovigo). Un ragazzo di 20 anni ha ucciso a martellate il padre, Giovanni Finotello, 57 anni. Il fatto è accaduto lunedì pomeriggio a Contarina di Porto Viro, nel Rodigino.

L'omicidio è avvenuto nel corso di una lite in famiglia. La vittima è stata colpita più volte alla testa e al busto con un martello. L'uomo, inizialmente ricoverato, è morto in ospedale. L'indagine è condotta dai carabinieri.

Appena una ventina di giorni fa  il 4 febbraio, nella frazione rodigina di Sant’Apollinare, si è verificato un altro caso di  parricidio. Un 17enne sinti ha colpito con un machete alla clavicola sinistra il padre 44enne Edis Cavazza.

Un fendente all’altezza della clavicola, quasi a volerlo decapitare. A colpirlo, con un machete, il figlio diciassettenne. E la fidanzata di quest’ultimo – 26 anni – nel frattempo impegnata a tenere a bada i famigliari con un machete, gemello all’arma del delitto.

Teatro dell’orrore fu il “campo nomadi” di Sant’Apollinare: lo chiamano così nella frazione di Rovigo, nonostante quel campo sia semplicemente un gruppo di poche rouolotte in cui vive praticamente un unico gruppo famigliare.

Patate novelle croccanti con asparagi saltati, uova barzotte e dressing allo yogurt e senape

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi