Covid, Zaia: non penso che il Veneto finirà in zona rossa. Arancione o gialla, decidono gli scienziati

Il presidente: a chi ci dice che subiremo restrizioni perché facciamo troppi tamponi rispondo che quasi 3.500 veneti ricoverati non sono certo in ospedale per questo ma perché faticano a respirare. E poi: ristori per le attività economiche 

VENEZIA. "Non penso che il Veneto oggi finirà in zona rossa, sarà arancione o gialla, mi rimetto alla decisione degli scienziati dell'Istituto superiore di sanità". Così Luca Zaia nel corso della consueta conferenza stampa sull'andamento della pandemia da Covid-19, dalla sede della Protezione civile regionale, a Marghera. 

"Comunque vada a finire - ha aggiunto Zaia - ribadisco che fondamentale sarà avere i ristori per quelle attività economiche che stanno facendo sacrifici per il bene comune. Non tutti hanno la fortuna di avere un reddito fisso, come ad esempio chi lavora nel pubblico o chi può fare smart working, ci sono attività in forte sofferenza ed è necessario che siano indennizzate". 

Una precisazione anche con una punta di polemica: "A volte ci scrivono che subiamo le restrizioni perché facciamo troppi tamponi. Attenzione, se ci sono in questo momento quasi 3.500 veneti ricoverati in ospedale non è perché hanno voluto fare il tampone ma perché fanno fatica a respirare. E io non voglio che ci sia alcun veneto che non potrà essere curato". 

Capitolo vaccini. «Abbiamo già somministrato il 24,70%, cioè un quarto, della seconda partita dei 48.920 vaccini arrivati ieri», ha annunciato Zaia, il quale ha ricordato di aver proposto «ai colleghi di altre regioni di estendere l'orario delle vaccinazioni fino a mezzanotte. Siamo pronti - ha sottolineato - di farli H24, però ci vogliono i vaccini. Oggi abbiamo una fornitura che ci permette di fare 7 mila vaccini al giorno e oltre non possiamo andare perchè non li abbamo fisicamente. Se si dovesse sbloccare la situazione di Astrazeneca - ha concluso -, avremo così tanti vaccini e a quel punto faremo sessioni a tutte le ore». 

Banana bread al cioccolato

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi