Il Sacrario militare di Cima Grappa è in condizioni di degrado

L'assessore veneto Donazzan scrive a Onorcaduti: i volontari Ana tenuti lontano dalla manutenzione del sito a causa del Coronavirus: erbacce, sporcizia e tombe rotte

L’assessore regionale all’Istruzione, Formazione e Lavoro del Veneto, Elena Donazzan, ha indirizzato una missiva al Commissariato Generale per le Onoranze ai Caduti per denunciare il grave degrado in cui versa il Sacrario Militare di Cima Grappa: un degrado documentato nelle ultime ore anche da diverse fotografie scattate da visitatori rimasti mortificati dalla situazione.

Nella lettera l’assessore Donazzan dettaglia la presenza di “erbacce, sporcizia, rotture in diverse tombe ed inoltre, in alcune giornate, la presenza scomposta e non rispettosa di visitatori” e, rivolgendosi al Commissariato Generale per le Onoranze ai Caduti, sottolinea l’assenza nei compiti di vigilanza e di cura dello stesso in questo periodo di chiusura della mobilità dovuta al Covid.

Nella missiva l’assessore regionale ricorda inoltre che “il Sacrario Militare è stato, nel tempo, curato dai volontari dell’Associazione Nazionale Alpini che con apposita convenzione coprono le giornate festive, perché i Nostri militari non fanno servizio”.

Donazzan chiede infine di “intervenire e di farlo duramente proprio perché questo nostro cimitero nazionale sul Monte Sacro alla Patria non sia abbandonato da quello Stato che, spesso e non a torto, è oggetto di critiche”.


 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Egitto, per la prima volta l'arte contemporanea in mostra ai piedi delle Piramidi di Giza

Torta di grano saraceno con mirtilli e mele

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi