Contenuto riservato agli abbonati

App, sensori, smartwatch, robot e braccialetti elettronici: il Veneto e la rivoluzione digitale del Coronavirus

Innovazione è la parola d'ordine per numerose aziende e startup. Dal distanziamento ai dispositivi no-touch in spiaggia, ecco tutte le "diavolerie" che sono già realtà

PADOVA. Se in questi mesi, quando si parla di gestione dell’emergenza in Veneto, si parla di un modello che ha funzionato, parte del merito lo si deve a Engineering, tra i principali gruppi tecnologici italiani, nato a Padova quarantan'anni fa. C’è la società dietro l’idea di “dialogo dei dati” raccolti da Regione e aziende sanitarie venete, affinché questi non siano considerati per compartimenti stagni, ma interagiscano funzionalmente, regalando nuove prospettive in chiave sistemica.
 
Il
Video del giorno

Bibione, estrae la pistola e esplode tre colpi: ecco il luogo della sparatoria

Bruschette integrali con fagioli e zucchine marinate

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi