«Non dobbiamo piegare la testa di fronte ai diktat del ministro»

Il presidente degli industriali veneziani su tutte le furie: il Mose non è uno scandalo veneziano, è Roma che deve pagare per quel che è successo