Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Salvini: profughi, svuoteremo Cona e chiuderemo Bagnoli

Matteo Salvini a Monza

Il ministro da Monza attacca il Pd: "Al Comune di Agna fondi compensativi per i disagi da malgoverno"

MONZA. «Al Cara di Mineo lavoriamo alla riduzione del numero di ospiti e dei costi, con l'obiettivo finale della chiusura. Mentre in Veneto il centro per immigrati di Cona sarà progressivamente svuotato e prevediamo di cessare l'attività di quello di Bagnoli. Il Comune di Agna, infine, potrà beneficiare di fondi compensativi per i disagi che ha sopportato negli ultimi anni di malgoverno Pd». Lo ha detto il ministro degli Interni, Matteo
Salvini.(ANSA).

LEGGI I verbali su Aversa, Impresa e le s ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

MONZA. «Al Cara di Mineo lavoriamo alla riduzione del numero di ospiti e dei costi, con l'obiettivo finale della chiusura. Mentre in Veneto il centro per immigrati di Cona sarà progressivamente svuotato e prevediamo di cessare l'attività di quello di Bagnoli. Il Comune di Agna, infine, potrà beneficiare di fondi compensativi per i disagi che ha sopportato negli ultimi anni di malgoverno Pd». Lo ha detto il ministro degli Interni, Matteo
Salvini.(ANSA).

LEGGI I verbali su Aversa, Impresa e le soffiate alla coop

“Finalmente qualcuno mette il coperchio a quel bidone di illegalità che era ed è il business dei finti profughi”. Lo afferma il Presidente del Veneto, Luca Zaia, in reazione all'annuncio di Salvini.

“Per anni – sottolinea Zaia - ci siamo sentiti ripetere da chi alimentava il business dei migranti che eravamo egoisti, razzisti, senza cuore, quando affermavamo che le nostre comunità non avrebbero potuto reggere l’urto di una massa di finti profughi e immigrati economici che le stesse istituzioni statali non erano spesso neppure in grado di identificare, facendoli disperdere sul territorio come fantasmi che non avevano nessun altro fine se non cercare di sopravvivere a tutti i costi, nel modo che l’aumento della criminalità e del senso di insicurezza nei cittadini veneti dimostra senza ombra di dubbio”.

“Ora che le inchieste della magistratura ci svelano il vero volto dell’affaire, con cooperative che hanno visto aumentare a dismisura i loro fatturati, ora che appaiono quei profili di illegalità e sfruttamento che soltanto i governi precedenti non volevano vedere, ora che si comincia a comprendere appieno quante ipocrisie e quante falsità siano state pronunciate nella difesa di un sistema malato – conclude il presidente veneto - ringraziamo chi riesce a liberare le comunità venete da una ipoteca pesantissima”