Veneto Banca, il processo passa da Roma a Treviso

Ennesimo colpo di scena nella vicenda giudiziaria della banca ex popolare di Montebelluna

ROMA. Veneto Banca, il processo lascia Roma e arriverà a Treviso. Il gup Lorenzo Ferri ha accolto l'eccezione di incompetenza territoriale sollevata dalle difese degli imputati, Consoli & C., e il fascicolo passa a Treviso.

Etruria, ex ad Banco Veneto Consoli: "Incontrai Boschi una volta e lei non parlò del caso"

Ennesimo colpo di scena nella vicenda del crac della ex banca popolare di Montebelluna, con inevitabile nuovo allungamento dei tempi per arrivare alle eventuali sentenze. 

Sono 11 gli imputati per il tracollo finanziario dell'istituto di credito, dirigenti e amministratori. Nei loro confronti, a secondo delle posizioni, le accuse sono di ostacolo alle attività di vigilanza di Bankitalia e della Consob e aggiotaggio.

Banche Venete, Padoan: "Regalo a Intesa? No, non c'erano alternative migliori"

Oggetto del procedimento giudiziario la falsa rappresentazione a Banca d'Italia e Consob della reale situazione economica, patrimoniale e finanziaria di Veneto Banca nel periodo 2012-2014.

Veneto Banca, le tappe dell'inchiesta

Tra gli imputati l'ex ad dell'istituto di credito Vincenzo Consoli, l'ex presidente Flavio Trinca, Stefano Bertolo, responsabile della direzione centrale amministrazione dal 2008 al 2014, Flavio Marcolin, ex responsabile degli affari societari e legali, Pietro D'Aguì, un lungo periodo al vertice di Banca Intermobiliare, Gianclaudio Giovannone, titolare della Mava SS, Mosè Fagiani, responsabile commerciale dal 2010 al dicembre 2014, e Massimo Lembo, all'epoca capo della Direzione Compliance. Ferri, ha, infine, disposto il "non doversi provvedere" sull'esclusione come responsabile civile di Banca Intesa e di Veneto Banca in liquidazione.

 

Video del giorno

Girotto, candidato no vax alle comunali di Padova: progetto di dittatura a tutti gli effetti

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi