Il tracollo delle Venete all’Onu

PADOVA. Il caso delle Popolari Venete approda la prossima settimana, mercoled’ e giovedì, all’Onu. A portarlo è l’associazione Ezzelino da Onara che ha ottenuto la possibilità di un incontro a...

PADOVA. Il caso delle Popolari Venete approda la prossima settimana, mercoled’ e giovedì, all’Onu. A portarlo è l’associazione Ezzelino da Onara che ha ottenuto la possibilità di un incontro a Ginevra. «Insieme all’Associazione Sovranazionale del Veneto ed all’organizzazione non governativa Trieste United, siamo stati accreditati alle Nazioni Unite dove daremo voce al dramma economico, finanziario e sociale che sta travolgendo il Nord-Est. Abbiamo scelto questa strada, perché una delle prerogative dell’Onu è quella di sviluppare le relazioni amichevoli tra le nazioni sulla base del rispetto del principio di uguaglianza tra gli Stati, oltre che quella di promuovere la cooperazione economica e sociale. All’Onu, ricorderemo che il Veneto, che è stato nazione libera e sovrana per più di mille anni, non potrà mai dimenticare i sacrifici che si sono resi necessari per creare l’immensa ricchezza che le famiglie e le imprese venete, sono state capaci di generare. Diremo che la liquidazione delle due banche popolari venete, che ha azzerato i risparmi di centinaia di migliaia di famiglie, è la dimostrazione della forza distruttrice che deriva dal privilegio di poter concedere credito in maniera arbitraria, soprattutto se tale potere viene concesso ad amministratori senza scrupoli».

Video del giorno

Egitto, per la prima volta l'arte contemporanea in mostra ai piedi delle Piramidi di Giza

Torta di grano saraceno con mirtilli e mele

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi