Pfas, la Regione Veneto vuole fare carotaggi nei terreni della Miteni

L'esterno della Miteni

La richiesta alla Procura della Repubblica di Vicenza, per cercare di capire la gravità dell'inquinamento

VENEZIA. Carotaggi specifici sui terreni della Miteni, per capire la gravità dell'inquinamento da Pfas (le sostanze perfluoroalcaliniche) e individuarne una volta per tutte le responsabilità. È quanto intende fare la Regione Veneto che, ha annunciato il presidente Luca Zaia, ha adottato una delibera incaricando l'Arpav di contattare la Procura di Vicenza - che ha un'inchiesta aperta sulla vicenda - per avere l'autorizzazione al «piano di caratterizzazione dell'area».

Inquinamento da Pfas: l'allarme salute spiegato in un video di 1'

Il governatore ne ha parlato in mattinata, a margine della visita al cantiere dei lavori del bacino di laminazione di Trissino (Vicenza). Il proposito dell'ente di Palazzo Balbi è che l'agenzia ambientale regionale si attivi per una serie di carotaggi su un'area di 67mila metri quadrati, comprendenti sia l'interno che l'esterno della Miteni, l'azienda al centro dell'inchiesta, arrivando a profondità tali (oltre 10 metri) che permettano di avere risposte chiare sulle cause e le 'epochè dell'inquinamento da Pfas.

Zaia sui Pfas: Arpav avvierà una campagna di monitoraggio sui terreni della Miteni

«Viviamo insieme ai sindaci - ha detto Zaia - le difficoltà conseguenti a questa situazione. Fin da quando è emersa quest'emergenza ambientale, la Regione si è immediatamente attivata per la messa in sicurezza delle acque, in particolare con i filtri. Sono stati avviati piani di monitoraggio sanitario sulla popolazione esposta e sui lavoratori della Miteni. Ricordo inoltre che, tutte le carte sono state sempre inoltrate anche alla Procura».

«Il nostro impegno continua - ha aggiunto - e tra le iniziative, anche operative, che possono ulteriormente essere messe in campo per ottenere le più approfondite informazioni sullo stato di eventuale contaminazione di tutta l'area interessata, abbiamo dato mandato ad Arpav di elaborare, in accordo con il Comune di Trissino, una dettagliata mappatura delle presenze di inquinamento nel sottosuolo. Si tratta di una campagna di carotaggi a maglia stretta spinti in profondità, anche fino a 10 metri (sui 67 mila mq. delle aree esterne e interne all'impianto della Miteni). Speriamo che l'azienda aderisca spontaneamente a questo piano di caratterizzazione di tutta l'area».

«Diversamente l'Arpav - ha spiegato Zaia - prenderà contatto con la Procura. Il nostro obiettivo è chiarire se ci sono inquinanti nel terreno, dove sono, che cosa sono e se possibile individuare da chi provengono». Con una nota del 25 gennaio scorso, la stessa società Miteni spa aveva informato la Regione che era stata riscontrata la presenza di rifiuti interrati rinvenuti durante l'esecuzione di indagini integrative effettuate lungo l'argine del torrente Poscola, entro la fascia di rispetto idraulica.

 

Video del giorno

Dopo le tartarughine, ecco i delfini: lo spettacolo a Jesolo

Barbabietola con citronette alla senape e sesamo

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi