Rete jihadista veneta: tre uomini dell’Is verso il processo

Udienza preliminare per reclutatori e “foreign fighter”. Il “pentito” Zavbi pronto a chiedere l’abbreviato

VENEZIA. Compariranno davanti al giudice con ogni probabilità a febbraio, i reclutatori e i foreign fighter dell’Is finiti nel mirino della Procura di Venezia. Nelle scorse settimane gli inquirenti hanno chiuso le indagini a carico di tre figure che - stando alle accuse - hanno agito nel territorio del Bellunese e del Pordenonese. Si tratta di Ahan Veapi, 38 anni, nato in Germania, residente per qualche tempo ad Azzano Decimo, consigliere del centro islamico di Pordenone e attualmente detenuto a Nuoro; di Rok Zavbi, sloveno di 26 anni, primo collaborante rientrato in Italia, detenuto a Tolmzzo; di Munifer Karamaleski, macedone, 28 anni, partito da Paughetto di Chies d’Alpago con moglie e figli per Raqqa e attualmente latitante. La data dell’udienza preliminare non è stata ancora fissata; nell’attesa le difese stanno studiando la strada processuale da seguire e per Rok Zavbi - che ha aiutato gli inquirenti a ricostruire la tela del terrorismo in Veneto - l’avvocato Samo Sanzin sta valutando il rito abbreviato.

L’inchiesta coordinata dal procuratore aggiunto Adelchi d’Ippolito e dal pm Francesca Crupi - parallela all’altra indagine sulla foreign fighters partita dal Padovano Meriem Rehaly - ricostruisce il ruolo dei quattro (tre indagati, il quarto, l’imam Husein Bosnic, condannato a sette anni a Sarajevo e sottoposto a un procedimento a parte) che hanno agito tra giugno e settembre 2013 per arruolare combattenti nelle fila dello Stato Islamico nell’ambito della nostra regione. Stando agli investigatori i reclutatori erano Bosnic , Veapi e Zavbi. Il trio sarebbe riuscito a portare in Siria il bosniaco Ismar Mesinovic, morto in battaglia, e Munifer Karamaleski che ha lasciato il Bellunese dove lavorava come operaio, per raggiungere Raqqa insieme alla sua famiglia e diventare un miliziano destinato alla vigilanza del “ghanima”, il deposito del bottino di guerra.

Ma come si concretizzava l’azione dei reclutatori? Veapi era consigliere del centro islamico di Pordenone e avrebbe agito inviando link e video di propaganda jihadista; ma soprattutto avrebbe fatto da intermediario tra l’imam Bosnic e i due futuri combattenti bellunesi. Rok Zavbi, invece, reduce dai combattimenti in Siria, aveva un ruolo informativo e dimostrativo dell’attività che gli arruolati avrebbero svolto una volta arrivati in Siria, nonché quello di rafforzare gli intenti jihadisti e di fornire indicazioni su come raggiungere le milizie combattenti.

 

Video del giorno

Val d'Ega imbiancata: le ferite ricucite di Vaia

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi