In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Ospedale Padova salva due neonati a Treviso e Udine grazie a tecnologia "Ecmo"

I piccoli erano nati con gravi problemi respiratori, ora stanno bene

1 minuto di lettura

PADOVA. Due interventi d'emergenza con la membrana Ecmo per la circolazione extracorporea del sangue hanno consentito nei giorni scorsi, grazie alle equipe dei neonatologi dell'ospedale di Padova, di salvare due neonati venuti alla luce nell'ospedale di Udine e in quello di Treviso. Entrambi presentavano una grave insufficienza respiratoria, dovuta ad inalazione massiva di meconio (le prime feci presenti nell'intestino) alla nascita.

I due interventi, eseguiti con perfetta sinergia fra i tre ospedali, sono stati possibili perchè l'azienda ospedaliera di Padova dispone da tempo di unità mobili di Ecmo, una sorta di polmone artificiale che permette di sostituire la funzione di questi organi facendo circolare il sangue del bambino al di fuori del corpo umano, dove viene ossigenato e quindi re-immesso nella circolazione del paziente.

L'eccezionalità dell'intervento si spiega con il fatto che era in corso la prima 'tasfertà dei medici padovani per soccorrere la neonata di Udine, una piccola con soli tre giorni di vita, è giunta un'analoga richiesta dall'ospedale di Treviso, per un un bimbo di due giorni anch'egli già in situazione di ventilazione meccanica massimale.

Dopo l'applicazione dell'Ecmo (ExtraCorporeal Menbrane Oxygenation), entrambi i neonati sono stati trasferiti a Padova. gostino Ebraico e dall' infermiere neonatale Gabriele Pennisi è partito per l'Ospedale di Treviso dove il bambino è stato posto in circolazione extracorporea e trasportato a Padova. I piccoli, infine dimessi dalla Neonatologia di Padova, sono ritornati negli ospedali di Udine e Treviso, in buone condizioni generali, cioè respiravano autonomamente per il follow-up. Ora sono stati dimessi e sono entrambi a casa, con i loro genitori.

«È una storia a lieto fine - hanno commentato i responsabili della Cardiochirurgia Pediatrica, Prof. Giovanni Stellin, e dalla Terapia Intensiva Neonatale, Prof. Eugenio Baraldi - È sempre emozionante poter ridare in braccio ai genitori un neonato che aveva rischiato la vita»

I commenti dei lettori