E' morta Tina Anselmi, prima donna ministro italiana

Tina Anselmi

Si è spenta nella sua Castelfranco, all'età di 89 anni, dopo una lunga malattia. Presiedette la Commissione d'inchiesta sulla P2

CASTELFRANCO VENETO. Si è spenta poco dopo mezzanotte Tina Anselmi, prima donna ministro nella storia repubblicana d'Italia.

E' morta all'età di 89 anni, nella sua casa di Castelfranco, assistita dalle sorelle Maria e Gianna e dai cinque nipoti. Era da tempo malata e assente dalla vita pubblica. 

Tina Anselmi, prima partigiana durante la Liberazione, poi in politica con la Democrazia cristiana, lascia un ricordo indelebile per il suio alto senso civico e dignità istituzionale. Fu anche presidente della Commissione parlamentare d'inchiesta sulla P2.

I funerali si terranno venerdì pomeriggio nel Duomo di Castelfranco. Giovedì la camera ardente nella chiesetta del Cristo, accanto al Duomo.

Addio a Tina Anselmi, prima donna a diventare ministro

LA CARRIERA POLITICA Tina Anselmi fu nominata nel luglio del 1976 titolare del dicastero del lavoro e della previdenza sociale in un governo presieduto da Giulio Andreotti. Dopo aver ricoperto la carica di ministro del Lavoro, Fu ministro della Sanità nel quarto e quinto governo Andreotti e legò il suo nome alla riforma che introdusse il Servizio Sanitario Nazionale Nel 1981, nel corso dell'ottava legislatura, fu nominata presidente della Commissione d'inchiesta sulla loggia massonica P2, che termina i lavori nel 1985.

Il cordoglio in rete per la morte di Tina Anselmi: tutti i tweet

Banana bread al cioccolato

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi