La Regione cancella la legge di tutela di Rom e Sinti

Approvata a maggioranza dal Consiglio veneto la proposta di Finco: "Abroghiamo una normativa che si è rivelata inadeguata a risolvere il problema del nomadismo"

VENEZIA. Con 34 voti a favore e 12 contrari il Consiglio regionale ha approvato il progetto di legge per l'abrogazione della normativa regionale 54/1989 "Interventi a tutela della cultura dei Rom e dei Sinti".

A favore del progetto di legge, proposto dal consigliere Nicola Finco, hanno votato a favore i consiglieri della Lega Nord, il governatore veneto Luca Zaia, Forza Italia, Fratelli d'Italia, Lista Tosi, Area Popolare e quattro consiglieri del M5S, mentre voto contrario è stato espresso dai consiglieri del PD guidati da Alessandra Moretti e da Patrizia Bartelle del M5S.

"Con questo progetto di legge", ha spiegato Finco, abrogheremo una normativa che si  è dimostrata del tutto inadeguata a risolvere il problema del nomadismo".

Pancake di ceci con robiola e rucola

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi