Impulsi magnetici per guarire dalla coca

Pubblicato studio del team veneto-americano: sperimentato il primo trattamento medico contro la dipendenza. La coperta del professor Gallimberti 

PADOVA. La dipendenza dalla cocaina può essere guarita grazie alla stimolazione magnetica cerebrale.

È il risultato di uno studio pilota su 32 pazienti condotto da un team di ricerca veneto-americano presso il Dipartimento di Neuroscienze dell’Università di Padova in collaborazione con l’Irccs San Camillo di Venezia. Al lavoro hanno partecipato il professor Luigi Gallimberti, docente dell’Università di Padova, e il professor Antonello Bonci, direttore scientifico del National Institute of Drug Abuse (Nida) a Rockville.

La ricerca, definita come una delle più importanti scoperte terapeutiche degli ultimi 50 anni, è stata pubblicata dalla rivista scientifica internazionale European Neuropsychopharmacology ed è stata presentata al ministero della Sanità in un incontro a Roma di alcuni giorni fa.

L’aspetto rivoluzionario della sperimentazione si fonda sul fatto che un trattamento medico (senza l’uso di farmaci) possa far superare il problema della droga. Una scoperta che se, confermata da ulteriori studi, permetterà di affrontare quella che è una vera e propria piaga: lo scorso anno 2,3 milioni di giovani europei (tra i 15 e i 34 anni) hanno fatto uso di cocaina e 20 milioni di persone nel mondo ne sono dipendenti. Per il team di ricerca veneto-americano, dunque, la dipendenza da cocaina ha basi neurobiologiche e può essere affrontata intervenendo sulla corteccia prefrontale (sede delle attività cognitive superiori e ipoattiva nel cocainomane).

L’intervento si basa sul ripristino della piena funzionalità della corteccia attraverso una stimolazione magnetica. Spiegano i ricercatori: «Stimolando mediante onde elettromagnetiche la porzione dorsolaterale sinistra della corteccia mediante il dispositivo noto come rTms, stimolazione magnetica transcranica ripetitiva, essa va incontro a una modificazione neuroplastica e recupera l’originaria funzionalità. A tale modificazione sembra accompagnarsi l’estinzione del desiderio di assumere cocaina, estinzione che sembra resistere nel tempo».

Il gruppo sperimentale, formato da 32 pazienti, si è sottoposto a una seduta di stimolazione quotidiana per cinque giorni consecutivi e successivamente una volta alla settimana per le tre settimane seguenti. Il 69% del gruppo trattato non ha avuto ricadute nell’uso di coca, contro appena il 19% dei soggetti trattati con farmaci. «I risultati sono stati promettenti, ma preliminari», proseguono i ricercatori, «Dobbiamo replicare il lavoro in un gruppo più ampio di pazienti. Questo lavoro rappresenta la prima indicazione clinica che il trattamento con rTms è in grado di ridurre significativamente l’uso di cocaina». Il dispositivo utilizzato per la trasmissione di impulsi magnetici è usato da anni in psichiatria per curare le depressioni. Il trattamento, assicura il team di ricercatori, non è invasivo e non dà luogo a reazioni avverse.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

A Lignano 28 mila fan in delirio per i Maneskin

Bruschette integrali con fagioli e zucchine marinate

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi