In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Arrivano anche a Venezia e Padova i bus low cost

Un euro per viaggiare lungo tutta la Penisola, con una flotta di 100 mezzi

1 minuto di lettura

VENEZIA. Un euro per raggiungere tredici tra le principali città italiane, con un servizio di qualità che prevede anche aria condizionata e wifi gratuito a bordo. Il network Megabus, il servizio di viaggi in autobus low-cost leader in Europa, sbarca in Italia e fa segnare subito un primato, con oltre 30 mila biglietti venduti nella prima settimana, record tra i Paesi serviti dalla compagnia. Fino al 28 giugno tutti i biglietti, acquistabili on line con carta di credito, costeranno un euro, più 50 centesimi per la prenotazione. Successivamente le tariffe dipenderanno dalla data di prenotazione.

«La media europea è di 15 euro», spiega Carlo Baggiani, development director di Megabus per l’Italia. Attualmente la flotta è composta da 23 autobus, ognuno dei quali può trasportare fino a 87 passeggeri. Proprio grazie alla maggiore capacità dei mezzi, il network è in grado di offrire tariffe più convenienti.

Al momento sono disponibili le corse interregionali tra Roma, Milano, Firenze, Venezia, Napoli, Torino, Bologna, Verona, Padova, Siena, Genova, Sarzana (La Spezia) e Pisa, per un totale di 24 partenze al giorno.

Da Napoli partiranno due autobus al giorno per Torino, Milano e Venezia, con tappe intermedie a Roma, Firenze, Bologna e Padova.

L’azienda sta investendo in Italia con la creazione di 100 posti di lavoro, dislocati tra le basi di Bergamo e Firenze.

Megabus è partito nel 2003 in Gran Bretagna e fa parte del gruppo Stagecoach, nato in Scozia nel 1980 e che oggi conta 38 mila dipendenti e 13 mila mezzi tra autobus, tram, treni e metropolitane. Il maggior successo è arrivato nel 2006 in Canada e negli Stati Uniti. Oggi lo sbarco in Italia, dove «non esiste un’offerta low cost sulle tratte intercity - sottolinea Baggiani - e le altre tratte collegano solitamente i piccoli paesi alle grandi città».

 

I commenti dei lettori