Alberto Giorgetti (Ncd) trasloca in Forza Italia

L’ex sottosegretario all’Economia pronto a seguire gli ex aennini tra i berlusconiani

VERONA. I ben informati scommettono che entro il mese di marzo sarà già nel team berlusconiano. Èh sì, perché Alberto Giorgetti, deputato veronese che oggi festeggia 17 anni e 300 giorni in Parlamento, avrebbe deciso di lasciare il Nuovo Centrodestra di Angelino Alfano e di aderire alla nuova Forza Italia di Silvio Berlusconi.

A far traboccare la goccia della pazienza dell’onorevole Giorgetti è stata senza dubbio la vicenda della nomina dei sottosegretari del governo Renzi. Già sottosegretario all’Economia e alle finanze dell’esecutivo Letta (prima nel Pdl e dal 16 novembre nel Ncd), Giorgetti si è visto preferire la presidente della Provincia di Padova Barbara Degani, da sempre vicina al vicegovernatore del Veneto Marino Zorzato. D’altra, in Forza Italia, costituendo a Palazzo ferro Fini il gruppo Pdl-Forza Italia per il Veneto, hanno già traslocato gli altri ex aennini Pierluigi Cortelazzo, Elena Donazzan, Moreno Teso, Marialuisa Coppola (detta Isi) e Massimo Giorgetti, fratello di Alberto. Insomma, la scelta forzista appare praticamente inevitabile.

Va ricordato che, alla fine di settembre 2013, Giorgetti aveva contestato la scelta di Silvio Berlusconi di ritirare la delegazione pidiellina al governo. «Accetto questa decisione», aveva detto a botta calda Giorgetti, « ma non condivido affatto il metodo con cui è stata adottata. Ritengo quetso metodo inaccettabile. visto che ho dovuto apprendere una scelta così importante dalla stampa». Di qui la susseguente decisione di restare al governo con il Ncd insieme ad Alfano, Lorenzia, Quagliarello, De Girolamo e Lupi. Ora il probabilissimo divorzio.

Claudio Baccarin

Video del giorno

Stati Uniti: una pioggia di orsacchiotti sul campo da hockey, ma è per beneficenza

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi