In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Sciopero nei trasporti, pesanti disagi per tutta la mattina a Padova

In base ai dati forniti dai Cobas, si sarebbe astenuto dal lavoro il 70 per cento degli autisti dei bus. Hanno circolato solo tre tram su 15

Lo sciopero indetto dai Cobas anche in BusItalia Veneto per tutta la giornata sta provocando più disagi di quelli previsti. Salvaguardati solo gli studenti visto che la mobilitazione, proclamata a livello nazionale, in base alla legge sui servizi minimi essenziali, ha obbligato gli autisti a non scioperare dalle prime corse del mattino sino alle 8.29 e dalle 8.30 e dalle 12.30 alle 15.30. Esattamente nel servizio urbano c’è l’obbligo di lavorare dalle 12.30 alle 15.30 e dalle 12 alle 14 in quello extraurbano.

Dalle 8.30 alle 12.30, in base ai dati forniti dai Cobas, avrebbe scioperato il 70% degli autisti, mentre l’azienda sostiene che l’adesione sarebbe più bassa. Fatto sta che in mattinata i disagi sono risultati pesanti sia per gli utenti dei bus e sia per quelli che hanno utilizzato il tram. Questo perché gli autisti del serpentone, quasi tutti iscritti all’Ugl, su base volontaria, hanno aderito allo sciopero quasi in massa.

Lavoratori di Busitalia con cartelli di protesta (foto Bianchi) 

 

Per tutta la mattinata hanno circolato solo 3 tram su 15. Hanno dovuto sopportare disagi anche gli automobilisti che sono rimasti in fila dalla stazione alla Stanga a causa del corteo dei Cobas dall’ingresso del deposito di Via Rismondo sino alla sede della Provincia, dove il sindaco-presidente Sergio Giordani ha incontrato i lavoratori in lotta. Era presente anche la consigliera regionale Elisa Venturini. I Cobas chiedono salari più alti e turni meno stressanti. F.Pad.

I commenti dei lettori