In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Cerca di rubare le offerte per le candele al cimitero di Padova, sorpreso e denunciato

Trentatreenne bresciano con precedenti per diversi furti con scasso commessi fra ottobre e novembre ai danni della Parrocchia “Madonna Incoronata"

1 minuto di lettura

Ha tentato di forzare la gettoniera del distributore automatico di candele votive del cimitero vecchio di Padova. Nelle ultime settimane erano giunte alcune segnalazioni relative a furti effettuati da ignoti sulle cassette delle offerte e le gettoniere dei distributori automatici di ceri votivi presso luoghi di culto e cimiteri comunali, nello specifico nel quartiere Voltabarozzo. Predisposti mirati servizi in borghese, gli agenti della Squadra Mobile hanno individuato martedì pomeriggio l’autore dei furti.

Si tratta di un 33enne originario di Desenzano del Garda che è stato notato giungere in via Vecchia ed una volta portatosi all’interno del cimitero vecchio, sinceratosi di non poter essere visto da nessuno, prelevare dalla tasca una chiave inglese e tentare di forzare la gettoniera del distributore automatico dei ceri votivi. Accortosi però nel frattempo della presenza di un agente posizionatosi a breve distanza pronto ad intervenire, l’uomo desisteva subito dal suo intento, fingendo di cercare un proprio caro defunto.

A quel punto veniva fermato e sottoposto a controllo. Gli veniva chiaramente rinvenuta e sequestrata la grossa chiave inglese con cui si era poco prima adoperato nel tentativo di scassinare la gettoniera. Controllati i suoi precedenti, a suo carico sono emersi numerosissimi precedenti penali e di Polizia per furto, nonché un provvedimento di foglio di via obbligatorio dal comune di Padova emesso nei suoi confronti nei giorni scorsi dal Questore di Padova.

Il 33enne è stato infatti individuato pure quale probabile autore di almeno 6 episodi di furto con scasso commessi fra ottobre e novembre ai danni della Parrocchia “Madonna Incoronata", (approfittando dell'apertura della chiesa per l'adorazione, aveva più volte forzato, servendosi di un piede di porco, la porta della sacrestia, ed una volta all'interno aveva rovistato nei vari cassetti asportando il denaro delle offerte, oltre ad aver forzato pure le cassette delle offerte per le candele; allo stesso modo, in due diverse occasioni, aveva sfondato con un sasso il vetro della porta posteriore del bar del centro parrocchiale, e vi si era introdotto asportando 200,00 euro e la cassa).

Denunciato per il tentato furto, dovrà adesso rispondere pure della violazione del divieto di ritorno nel territorio del comune di Padova.

I commenti dei lettori