In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Guida al Natale di Padova, dai mercatini al pattinaggio

Ecco tutte le iniziative in città. Il villaggio di Babbo Natale in piazza Eremitani e i banchetti in via Umberto

Aggiornato alle 2 minuti di lettura

Iniziato l’allestimento del villaggio di Babbo Natale  

 

L’abbassamento delle temperature ha iniziato a preparare l’arrivo del Natale. Ma senza luci, alberi, mercati e villaggi, la festa non può cominciare. Da venerdì la città sarà illuminata, soprattutto in centro storico e nelle vie limitrofe, con il tema sempre legato ad Urbs Picta e alle stelle di Giotto. Poi, a scaglioni, inizieranno gli eventi che l’amministrazione ha organizzato, sempre con un occhio di riguardo al risparmio energetico.

Si parte con le luminarie venerdì alle 16, in occasione del Black Friday, per creare la suggestiva atmosfera di luci e decorazioni tipica del Natale. La tradizionale giornata degli sconti quest’anno non avrà il timer degli orari in stile americano, ma i negozi avranno la libertà di poterli applicare durante tutto il corso della giornata. Sono oltre 60 le installazioni previste da Palazzo Moroni, che illumineranno i principali palazzi comunali, la Loggia Amulea, il Teatro Verdi, gli alberi di Prato della Valle, le porte storiche e alcune principali rotonde e le piazzette di quartiere. A queste luci si uniranno le luminarie dei negozianti, sostenute anche dai 150 mila euro che l’amministrazione ha erogato nelle ultime settimane.

«Faremo tutto garantendo spettacolarità e attenzione, ma al tempo stesso senza dimenticare il risparmio energetico con l’obiettivo di sostenere il nostro tessuto economico, favorire l’attrattività turistica e donare ai cittadini l’atmosfera magica del Natale» le parole dell’assessore Antonio Bressa e degli altri promotori.

I mercatini e l’animazione

I classici mercatini natalizi saranno aperti da domani in via Umberto con 14 casette di legno in stile natalizio e tanti prodotti artigianali. Il villaggio di Babbo Natale in piazza Eremitani aprirà il 26 novembre e rimarrà fino all’8 gennaio. Saranno 15 gli chalet, con allestimenti a tema, che ospiteranno anche Babbo Natale, a cui i più piccoli potranno rivolgersi per scrivere la propria lista dei desideri. Insieme partirà il trenino di Natale itinerante, mentre dal 2 dicembre al 6 gennaio, in piazza Capitaniato, ci sarà il consueto mercato dell’artigianato. Nelle piazze invece si parte l’8 dicembre.

L’albero sul Liston

Il tre dicembre alle 16.30 ci sarà l’accensione dell’albero di Natale sul Liston marchiato Dodo. Lo stesso giorno tornerà lo spettacolo delle proiezioni di luci e del videomapping sulle facciate monumentali di piazza delle Erbe, piazza della Frutta, piazza dei Signori, sul Duomo, sulla Chiesa di Sant’Antonino e sulla basilica di Santa Giustina. Il tema di quest’anno è un “Giardino di Stelle” che unirà il risalto delle linee architettoniche degli edifici con le iconiche stelle di Giotto e delicati elementi floreali. Contemporaneamente ci saranno sei installazioni luminose di plexiglass nella zona pedonale, tra i Giardini dell’Arena, piazza Garibaldi e via Roma, per creare dei punti di attenzione con potenzialità di condivisione social sul tema di Urbs Picta.

La pista da pattinaggio

La vera novità è la pista di pattinaggio su ghiaccio ai Giardini dell’Arena. Sarà installata nella zona posteriore e non sarà il classica circuito, ma ingloberà anche i vialetti del parco. L’inaugurazione è per venerdì 2 dicembre. La spesa energetica del Comune per luminarie, proiezioni e videomapping natalizi sarà pari a circa lo 0,12% del totale della spesa energetica, grazie a un uso esclusivo della tecnologia Led a basso impatto e a un piano di riduzione dei consumi che porterà al risparmio di oltre il 30% di energia rispetto agli anni scorsi, attraverso lo spegnimento anticipato a mezzanotte e la compressione del periodo di accensione fino a 6 giorni in meno. 

Capodanno in piazza Insurrezione

Nella notte di San Silvestro esordisce il Capodanno in Piazza Insurrezione. Addio a Prato della Valle e via allo show per accompagnare l’arrivo del nuovo anno nel cuore del centro storico cittadino con un ospite ancora misterioso ma di prima fascia, come assicurano a Palazzo Moroni.

La Padova ebraica

Cena kasher al museo della Padova ebraica: è il tema affrontano da un progetto che ha convolto la Regione, la Fondazione per il Museo della Padova ebraica, l’Istituto Superiore per il Made in Italy di Noventa Padovana. L’obiettivo: promuovere la conoscenza della cultura ebraica attraverso uno dei suoi elementi identitari: l’alimentazione. Il coronamento del lavoro sarà appunto la cena kasher al Museo il 12 dicembre dove verranno imbanditi una decina di tavoli e serviti piatti della tradizione. Per info e prenotazioni: museo@padovaebraica.it.

I commenti dei lettori