In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Incidenti sul lavoro nel Padovano aumentati del 41%

Nei primi sette mesi del 2022 dati ancora in crescita. A Borgo Veneto la giornata dell’Amnil per ricordare le vittime

Pietro Cesaro
Aggiornato alle 1 minuto di lettura

Un dolore senza fine: perdere la vita mentre ci si guadagna da vivere. La piaga delle morti sul lavoro è quella che ogni anni, con eventi celebrativi in tutta Italia, viene ricordata nella giornata organizzata da Anmil (Associazione fra lavoratori mutilati e lnvalidi del lavoro). Quest’anno la manifestazione provinciale si è svolta a Saletto di Borgo Veneto, dove ieri mattina Anmil ha presenziato con i sindaci del territorio, le altre istituzioni, i rappresentanti delle forze dell’ordine e i dirigenti dell’Inail. La celebrazione si è aperta con una messa, seguita da un grande corteo, con in testa la banda musicale, i gonfaloni e le bandiere associative delle amministrazioni pubbliche. A conclusione la deposizione di una corona di alloro alla biblioteca in via Marconi e l’installazione della targa commemorativa. D’impatto la scelta di sistemare 21 tute bianche a terra nel piazzale, accompagnate da un caschetto giallo e da una rosa rossa: una per ogni morto sul lavoro in provincia di Padova nel 2021.

La curva degli incidenti in aumento. La curva delle morti bianche risale, soprattutto dalla pandemia: la relazione annuale Inail del 2021 ha evidenziato che, al netto dei contagi Covid di origine professionale, gli infortuni denunciati sono aumentati nel 2021 del 20% e i casi mortali di quasi il 10%. Sono 564.089 le denunce di infortuni sul lavoro, di cui ben 1.361 mortali in tutta Italia; 70.489 denunce invece nel Veneto e 12.969 solo nel padovano. I morti nel Veneto sono 114 (5,5% in più rispetto al 2020) e 21 a Padova (23,5% in più rispetto al 2020). Dato importante è quello della tipologia di morte: nel Padovano 15 sono avvenute proprio sul posto di lavoro (4 con mezzo di trasporto e 11 senza), 6 invece in itinere (5 con mezzo di trasporto e 1 senza). Dati che rilevano l’alta percentuale di rischio nelle strade, il 47, 6%. Nei primi sette mesi del 2022 le denunce sono ulteriormente aumentate del 41,1%, rispetto allo stesso periodo del 2021

La giornata in ricordo delle vittime di incidenti sul lavoro

I commenti dei lettori