In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Flash mob a Padova per rivendicare il diritto alla libertà dei giovani in Iran

un gruppo di genitori ha organizzato un flashmob silenzioso nel piazzale antistante la scuola Oriani. Prima l'accensione delle candele in segno di raccoglimento

1 minuto di lettura

Per Zhina Mahsa Amini, ragazza kurda uccisa il 16 settembre scorso dalla polizia morale iraniana per non aver indossato il suo hijab in modo corretto. Per Hadith Najafi, morta a causa di sei colpi di arma da fuoco per aver manifestato in solidarietà delle donne dell’Iran. Ma anche per tutte le donne iraniane e kurde "che stanno venendo barbaramente violate, torturate, uccise dallo spietato regime oscurantista".

Flash mob per le libertà in Iram alla Guizza a Padova, ecco le immagini

È per loro che un gruppo di genitori mercoledì sera ha organizzato un flashmob silenzioso nel piazzale antistante la scuola Oriani. Prima l'accensione delle candele in segno di raccoglimento. Poi la rappresentazione teatrale dell'uccisione di Mahsa Amini di alcuni alunni delle classi quinta dell'Oriani e prima della Marsilio.

L'iniziativa ha radunato i genitori di alunni e alunne della Guizza, del Bassanello, di Salboro, Crocefisso e Quattro Martiri, quartieri che raccolgono i cinque continenti.
"Vogliamo far sentire la nostra vicinanza ai tanti giovani iraniani che in questi giorni rivendicano il loro essere liberi" ha spiegato Lana Sharif, mamma kurda promotrice dell'iniziativa.

I commenti dei lettori