In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Spaccata in un negozio di elettronica, fermato l’autore e recuperata la refurtiva

L’uomo, un 45enne di origini senegalesi, ha usato il coperchio di ghisa di un tombino per rompere la vetrina È stato bloccato la mattina seguente in piazza Gasparotto a Padova.

1 minuto di lettura

Spaccata nella notte tra giovedì 15 e venerdì 16 settembre in un negozio di elettronica in corso del Popolo 19. Il balordo, che per fare irruzione nell’esercizio commerciale ha infranto la vetrina con un tombino di ghisa, è stato rintracciato la mattina seguente in piazza Gasparotto ed è stato denunciato per furto aggravato.

Il colpo

Era notte quando al numero di emergenza 113 è arrivata la telefonata di un cittadino che segnalava un furto in atto all’interno del negozio di corso del Popolo 19, che vende articoli di elettronica.

Subito una volante della polizia è arrivata sul posto ma il ladro se n’era già andato. La vetrina era infranta e sul marciapiede era rimasta la copertura di ghisa del tombino utilizzata per rompere il vetro.

Le indagini

Grazie alle immagini registrate da una telecamera di videosorveglianza interna al negozio gli agenti sono riusciti a vedere chiaramente l’autore della spaccata, cogliendone alcune caratteristiche utili alla sua identificazione.

In corso del Popolo è intervenuta anche la Polizia Scientifica che ha effettuato tutti i rilievi del caso.

Fermato l’autore

Ieri mattina alcuni agenti in servizio di controllo del territorio hanno rintracciato e fermato in piazzetta Gasparotto il presunto autore della spaccata che aveva ancora con sé parte della refurtiva.

Una volta vistosi scoperto, l’uomo ha cercato di evitare i poliziotti ma, grazie anche all’intervento di una seconda volante, gli operatori sono riusciti a fermarlo e accompagnarlo in Questura dove è stato denunciato per furto aggravato. Cinque i cellulari rubati, del valore complessivo di circa 2 mila euro e 200 euro di fondo cassa, il tutto nascosto all’interno di uno zaino.

L’uomo è un 45enne di origini senegalesi, senza fissa dimora e con numerosi precedenti per reati contro il patrimonio, irregolare sul territorio italiano. Espulso dal prefetto, ieri pomeriggio lo straniero è stato accompagnato presso il CPR di Gorizia. —

I commenti dei lettori