In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Future Vintage Festival a Padova, si parte. “Icons. L’Hype che non passa di moda”

Venerdì si parte. Il Festival del lifestyle e delle tendenze contemporanee ospita l’80 per cento di nuovi espositori tra brand di grido, nicchie ricercatissime dal mondo Vintage, un inedito Hype Market dedicato allo stile iconico e molto altro ancora

1 minuto di lettura

PADOVA. Venerdì l’Hype diventa show. Padova si prepara ad accogliere il nuovo, attesissimo Future Vintage Festival a tema “Icons. L’Hype che non passa di moda”: un’edizione - la 13esima - che già sorprende per il programma, i protagonisti, la proposta. Il Festival del lifestyle e delle tendenze contemporanee ospita l’80% di nuovi espositori tra brand di grido, nicchie ricercatissime dal mondo Vintage, un inedito Hype Market dedicato allo stile iconico e molto altro ancora: un intero piano dedicato alle mostre tra cui l’anteprima di quella su Andy Warhol del 30 settembre, dedicata alle fotografie dallo Studio 54, il locale newyorkese delle star, la mostra unpopular con importanti artisti tra i quali di Bansky e molte altre sulla pop art.E ancora expo, workshop, musica live e talk show con super ospiti.

A partire da quelli di venerdì, protagonisti del Centro San Gaetano e dei Giardini dell’Arena. Giorgia Soleri, il lato “intimista” dell’Hype. A dare il via ai talk sono i due innovatori della musica italiana Immanuel Casto e Romina Falconi con il talk “Se è porno (non tolgo): l’Hype che mette a nudo”. Subito dopo spazio alla compagna di Damiano dei Maneskin Giorgia Soleri. Poetessa, modella, attivista, si definisce (con il sorriso) “femminista guastafeste” e ha il dono di raccontare, a 360°, anche i lati più intimi e fragili dell’esistenza come esprime il titolo del suo talk, “Il lato intimista dell’Hype” (ore 16.30).

Enorme il successo sui social e in libreria con la raccolta di poesie “La signorina nessuno”, capace di attraversare amore e dipendenza, legami e depressione con la forza e l’immediatezza di un’autrice matura. A seguire i talk della “strana coppia” Elisa Esposito (la regina del trend “corsivo”) e la divulgatrice della lingua italiana Mariangela De Luca.

Ai Giardini dell’Arena parleranno le influencer e imprenditrici Arianna Bertoncelli e Chiara Carcano, capaci di unire umorismo e fascino in chiave social, e Federico Barengo, l’imprenditore e creatore del brand di streetwear famoso nel mondo Barrow. Finale a tutto Hype (e dance) con Albertino. Uno dei dj più apprezzati di tutto il panorama italiano, voce storica di Radio Deejay e archivio vivente di suoni, ispirazioni e groove dagli anni Ottanta fino a oggi.

Produttore di Icone assolute del nostro rap come Neffa e Articolo 31, dopo il successo travolgente dello show Deejay Time del 2018 a Padova torna a incantare il Future Vintage Off ai Giardini dell’Arena e lo fa nella maniera migliore: con un dj set che proietterà anche le tribù della Gen Z nell’Età dell’Oro della dance. Ingresso gratuito ai possessori del biglietto del Festival (5 euro). Per maggiori dettagli e ulteriori informazioni sugli orari, gli ospiti, gli appuntamenti e il programma completo: futurevintagefestival.com.

I commenti dei lettori