Carceri sovraffollate, ogni giorno 3 atti di autolesionismo in Veneto

I dati diffusi alla festa della Polizia penitenziaria in Aula Magna al Bo a Padova. Il sovraffollamento è al 16% e si aggiunge anche il Covid

PADOVA. Tre suicidi, 149 tentativi di togliersi la vita, 1.132 atti di autolesionismo negli ultimi 12 mesi. Sono i dati diffusi nella festa della Polizia penitenziaria che si è tenuta in Aula Magna al Bo. Dati che testimoniano una situazione difficile nelle carceri del Veneto, dove la media di sovraffollamento è al 16%: più bassa della media nazionale ma comunque alta. A tutto ciò si aggiunge il Covid: dal giugno dello scorso anno sono 1.356 i detenuti contagiati e 671 (su una forza effettiva di 2.300 unità) i poliziotti penitenziari contagiati. Una situazione difficile dunque, che testimonia l'ambiente in cui gli agenti si trovano a lavorare.

"In questi anni si è passati da una logica di pura sorveglianza e costrizione allo svolgimento di un ruolo sociale carico di responsabilità. Gli agenti vivono quotidianamente negli istituti e affrontano ogni giorno inedite criticità a cui è necessario trovare soluzioni", ha spiegato il provveditore Maria Milano d'Aragona.

La festa della polizia penitenziaria a Padova

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Strage dei ragazzi a Godega, il prefetto: la curva non è pericolosa, la causa è l'alta velocità

Focaccia con filetti di tonno, cipolla rossa e olive

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi