L’Università di Padova colora i quartieri

La decorazione al Portello

Via del Portello, largo Debussy, piazzale Firenze e piazzale Cuoco sono stati decorati con elementi simbolici grazie a  graffiti ecosostenibili 

PADOVA. L’Università di Padova compie 800 anni e per festeggiare questo  traguardo ha colorato dei luoghi in città, creando spazi di condivisione dove incontrarsi e scambiare idee, perché solo attraverso il dialogo si costruisce un futuro di giustizia, uguaglianza e opportunità.

Via del Portello, largo Debussy, piazzale Firenze e piazzale Cuoco sono stati decorati con elementi simbolici legati all’identità dell’Ateneo, grazie a dei graffiti ecosostenibili con impatto ambientale pari a zero.

Piazzale Cuoco

Con questa iniziativa di comunicazione  l’Università di Padova esce dalle aule e si avvicina ai quartieri, portando nuovi significati in quegli spazi cittadini deputati all’interazione e al dialogo, in linea con il concetto di libertà di cui è promotrice da 800 anni.

I quattro quartieri (Arcella, Guizza, Portello, Sacra Famiglia) riprendono le quattro aree tematiche in cui è suddiviso il calendario degli eventi per l’ottocentenario e riportano ai valori e alla storia dell’Università: Libera la scienza con il riferimento alla Sfera armillare, Libera le idee che viene richiamato dalle Stelle nel Sigillo universitario, Libera la natura che omaggia la Pianta dell’Orto botanico, infine Libera le arti che si innerva nelle invenzioni stilistiche di Gio Ponti a Palazzo del Bo. Questi binomi vengono a loro volta reinventati graficamente e inseriti nel tessuto urbano attraverso il singolo simbolo iconico o la sua moltiplicazione caleidoscopica.

«In via del Portello le decorazioni sono ispirate alle lampade di Gio Ponti presenti a Palazzo del Bo, a piazzale Firenze è la sfera armillare a rappresentare la scienza e le scoperte scientifiche che hanno fatto la storia dell’Università. La natura è invece la protagonista di piazzale Cuoco dove i disegni geometrici dei quarti che suddividono l’Orto botanico sono diventati la base delle illustrazioni della piazza. Ma tutto ciò non sarebbe stato possibile senza le idee e la libertà di esprimerle, che sono rappresentate in largo Debussy dagli elementi simbolici del sigillo di Ateneo», spiegano al Bo.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Bambino scomparso a Tambre: ecco il momento del salvataggio

Bruschette integrali con fagioli e zucchine marinate

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi